Esperienza mondiale per Eleonora Lanzone e Cristian Scalmana                            
21 marzo 2017 
Bellissima esperienza per i nostri due campioni alla loro prima apparizione in Premiere League, corrispondente al massimo livello competitivo mondiale di Karate. I migliori e le migliori rappresentanti del Karate mondiale erano presenti al secondo appuntamento 2017 di Rotterdam, dopo il primo di Parigi, presso l’imponente palazzetto dello sport “Topsportcentre Rotterdam” (Sportsvenue). La rassegna delle gare utili per ottenere punti nel ranking mondiale, prevede la partecipazione a gare in Europa e oltreoceano di altissimo livello suddivise in due gruppi, la “Karate 1 Premiere League” e la “Karate 1 Series A”, dove in entrambi i gruppi di gare possono partecipare solo Atleti/e di alto profilo che hanno compiuto i 18 anni e provenienti da squadre ufficiali Nazionali o Club affiliati WKF. Per Eleonora e Cristian, da poco 18enni, l’approccio è stato senza dubbio positivo in una competizione dove erano presenti la maggior parte delle Nazionali A seniors di tutto il mondo e Club con Atleti/e di forte talento appartenenti alle Nazionali giovanili Under 21. Negli uomini categorie di peso con 150/160 iscritti in pool quasi sempre con presenze di titolati mondiali/europei/Panamericani/Asiatici. Nelle donne stessa concentrazione di titolate con categorie di 80/100 partecipanti. Per Eleonora che per prima si è cimentata sul tatami, partenza da brivido con la Nazionale Venezuelana Salazar data per favorita nella sua pool. 1 a 0 per Eleonora in un combattimento che la Venezuelana pensava di poter vincere con una debuttante di appena 18 anni. Non è stato proprio così, perché la padronanza e risolutezza della nostra Atleta sul tatami è stata determinante nel difficile confronto. Nel secondo incontro è toccata alla francese Bilem subire  l’intraprendenza di Eleonora che ha comandato e gestito l’incontro dimostrando un’  esperienza che, di fatto non ha ancora, ma indubbiamente la sta sostituendo con le sue doti  tecniche e caratteriali. 3 a 1 a dimostrazione di una superiorità che non ha lasciato scampo alla pur bravissima francese. Nel terzo confronto con la Kazaka Mukthar, per un solo punto a zero, Eleonora ha dovuto arrendersi in una gara dove le altre italiane suddivise nelle varie categorie di peso, sebbene di maggior età ed esperienza in gare di questo tipo, sono uscite al primo o al secondo turno. Chi è riuscita a portare medaglia per l’Italia nel Kumite è stata solo la Nazionale seniores campionessa mondiale e plurititolata  Sara Cardin con il meritato bronzo nella -55 kg. Sara nonostante i suoi 30 anni ha dimostrato di poter competere ancora a livelli altissimi, quindi, per Eleonora un esempio da seguire e chissà un domani da poter imitare …..
Cristian Scalmana anche lui debuttante in questo circuito, ha avuto il piacere di combattere nel suo primo incontro con il Danese pluricampione europeo Petersen, idolo di casa e addirittura testimonial della famosa azienda  “Arawaza”, tra l’altro vincitore della premiere league di Rotterdam dello scorso anno. Niente da fare contro un atleta di 30 anni ed esperienza in campo Internazionale da vendere. Un confronto molto tecnico e basato sulla precisione con pochissimi interventi arbitrali causa la correttezza dei due contendenti. Vittoria per Petersen con il nostro atleta emozionato e giustamente soddisfatto per la sua prima esperienza.


Complimenti ! 





di Filippo

I_miei_album/Pagine/Foto_karate.htmlI_miei_album/Pagine/Foto_karate.htmlI_miei_album/Pagine/Foto_karate.html